La legge obbliga gli assicuratori, Casse Malati, a rimborsare i costi della mammografia a determinate condizioni:

Mammografia diagnostica

Sono rimborsate in tutta la Svizzera le mammografie in presenza di un dubbio o di un sospetto clinico. Tale esame sottostà alla franchigia.

  • nelle donne con un rischio più elevato di contrarre un tumore al seno dovuto ad una predisposizione familiare documentata.
Mammografia di diagnosi precoce

La mammografia di diagnosi precoce è rimborsata solo nell’ambito di un programma di screening cantonale. Nei cantoni dove tale programma non esiste, è la donna a dover pagare questo esame.

  • È rimborsata nell’ambito di un programma di screening del tumore al seno riconosciuto dall’autorità cantonale secondo l’Ordinanza federale del 23 giugno 1992 ogni due anni, dai 50 anni. Per questa prestazione non è riscossa nessuna franchigia; alla donna spetta la partecipazione ai costi del 10%.
In Ticino la mia Cassa Malati rimborsa la mammografia?

In Ticino sono rimborsate, come in tutta la Svizzera, le mammografie diagnostiche in presenza di un dubbio/sospetto clinico, quindi anche le mammografie di diagnosi precoce per le donne con un rischio più elevato di contrarre un tumore al seno, e le mammografie di controllo per le donne con una diagnosi di tumore al seno.

La partecipazione al programma cantonale di screening mammografico per le donne tra 50-69 anni è gratuita.

 

Testo a cura di: Annemarie Fahrländer, psicologa-psicoterapeuta, già collaboratrice scientifica dell’Ufficio del medico cantonale, DSS, Cantone Ticino

Ultima revisione – febbraio 2020